Yoga versus influenza

400637_10152160423986112_77152882_n[1]

Inverno. Freddo. Umido. Pioggia. Cosa fare? Ecco subito pronta una ricetta yogica per aumentare le vostre difese e modulare positivamente il vostro sistema immunitario, da praticare nel tardo pomeriggio. Sirsasana e Sarvangasana sono degli eccellenti stimolanti delle ghiandole endocrine, rispettivamente il re e la regina degli asana. Halasana riporta all’interno la gran quantità di energia smossa, dando sollievo al sistema nervoso. Sethu Bandha Sarvangasana con il supporto è un potente asana ristorativo che vi ridonerà l’energia perduta. In ultimo, con Shavasana, tutti questi gioielli prodotti dalla pratica corretta degli asana descritti, verranno sigillati nelle casseforti del vostro corpo e della vostra mente, come patrimonio di salute e di rigenerante benessere. Shavasana distillerà l’elisir della pace in ogni vostra cellula. Non vi resta che testimoniare la vostra esperienza praticando, studiando i vari effetti degli asana sul corpo e sulla mente e…contribuendo naturalmente col vostro prezioso commento!

Chiudo con la traduzione della frase di B.K.S.Iyengar ai piedi della figura: “Lo yoga ha un triplice impatto sulla salute. Mantiene in salute chi si sente bene. Aiuta a recuperare da una cattiva salute(dalla malattia). Impedisce lo sviluppo delle malattie”.

Da Einstein al Buddha 2

1618636_685271851512236_435812311_n[1]

Albert Einstein (Ulma, 14 marzo 1879 – Princeton, 18 aprile 1955) è stato un fisico e filosofo della scienza tedesco naturalizzato statunitense.  Un anno dopo la sua nascita la famiglia si trasferisce a Monaco di Baviera. Da piccolo, è un solitario ed impara a parlare molto tardi. L’incontro con la scuola è da subito difficile: odia quei sistemi severi di allora che rendevano la scuola come una caserma.

Si consola così nello studio del violino, dell’algebra e nella lettura di libri di divulgazione scientifica. La sua grandezza consiste nell’aver mutato per sempre il modello di interpretazione del mondo fisico. Nel 1921 ricevette il Premio Nobel per la fisica “per i contributi alla fisica teorica, in particolare per la scoperta della legge dell’effetto fotoelettrico”, e la sua fama dilagò in tutto il mondo soprattutto per la teoria della relatività, in grado, per l’assoluta originalità, di colpire l’immaginario collettivo.

Fu un successo insolito per uno scienziato e durante gli ultimi anni di vita la fama non fece che aumentare, al punto che in molte culture popolari il suo nome divenne ben presto sinonimo di intelligenza e di grande genio. Oltre a essere uno dei più celebri fisici della storia della scienza, fu molto attivo in diversi altri ambiti, dalla filosofia alla politica, e per il suo complesso apporto alla cultura in generale è considerato uno dei più importanti studiosi e pensatori del XX secolo.

La sua immagine rimane a tutt’oggi una delle più conosciute del pianeta, avendone fatto e facendone largo uso anche il mondo della pubblicità: si è giunti infatti, inevitabilmente, alla registrazione del marchio “Albert Einstein”. Ancora alcune altre sue citazioni che vedo strettamente legate alla pratica dello yoga. Commentate e buona riflessione!

 “Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare”.

“Penso 99 volte e non trovo niente. Smetto di pensare, nuoto nel silenzio e la verità mi arriva”.

“Tutto è Energia e questo è tutto quello che Esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella Realtà. Non c’è un’altra via. Questa non è filosofia. Questa è Fisica”.

“Chiunque abbia la pretesa di ergersi a sicuro arbitro e giudice nel campo della verità e della conoscenza, è destinato a naufragare nella risata degli Dei”.

“Saper vivere è come andare in bicicletta: per mantenere l’equilibrio non bisogna mai smettere di muoversi”.

“Ci sono due modi di vivere la vita: uno è come se niente fosse un miracolo, l’altro è come se tutto lo fosse”.

“Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati sulla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è un’altra via. Questa non è filosofia. Questa è fisica.”

“È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità”.

“Se vuoi capire una persona, non ascoltare le sue parole, osserva il suo comportamento”.

“La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario.”

“Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo”.

“Ciò che vedete dipende dalle teorie che usate …per interpretare le Vostre osservazioni”.

“Cento volte al giorno, ogni giorno, io ricordo a me stesso che la mia vita, inferiore ed esteriore, dipende dal lavoro di altri uomini, viventi o morti, e che io devo sforzarmi per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto e continuo a ricevere”.

“Le tre regole di lavoro: 1. Esci dalla confusione, trova semplicità. 2. Dalla discordia, trova armonia. 3. Nel pieno delle difficoltà risiede l’occasione favorevole”.

“Voglio sapere come Dio creò questo mondo. Non sono interessato in questo o quel fenomeno, nello spettro di questo o quell’elemento. Voglio sapere i Suoi pensieri, il resto sono… dettagli”.

“La creatività non è altro che un’intelligenza che si diverte”.

“Un uomo felice è troppo soddisfatto del presente per pensare molto al futuro”.

“La ricerca della verità e della bellezza è un campo di attività in cui ci viene permesso di restare bambini per tutta la vita”.

“La differenza fra la genialità e la stupidità è che la genialità ha dei limiti”.

Fonte: Il Saggio Libro

Da Einstein al Buddha 1

Saluto al sole

1173727_633365043363307_1405061047_n[1]

Albert Einstein è stato un fisico e filosofo della scienza tedesco naturalizzato statunitense.  Un anno dopo la sua nascita la famiglia si trasferisce a Monaco di Baviera. Da piccolo, è un solitario ed impara a parlare molto tardi. L’incontro con la scuola è da subito difficile: odia quei sistemi severi di allora che rendevano la scuola come una caserma. Si consola così nello studio del violino, dell’algebra e nella lettura di libri di divulgazione scientifica. La sua grandezza consiste nell’aver mutato per sempre il modello di interpretazione del mondo fisico. Nel 1921 ricevette il Premio Nobel per la fisica.  Questi sono dieci insegnamenti che ci ha lasciato.

1. Segui la tua curiosità “Non ho nessuno talento speciale. Sono solo appassionatamente curioso.”

2.La perseveranza ha un valore inestimabile“Non mi considero particolarmente intelligente, è solo che mi dedico ai problemi molto a lungo.”

3.Poni il presente al centro della…

View original post 158 altre parole

Da Einstein al Buddha 1

1173727_633365043363307_1405061047_n[1]

Albert Einstein è stato un fisico e filosofo della scienza tedesco naturalizzato statunitense.  Un anno dopo la sua nascita la famiglia si trasferisce a Monaco di Baviera. Da piccolo, è un solitario ed impara a parlare molto tardi. L’incontro con la scuola è da subito difficile: odia quei sistemi severi di allora che rendevano la scuola come una caserma. Si consola così nello studio del violino, dell’algebra e nella lettura di libri di divulgazione scientifica. La sua grandezza consiste nell’aver mutato per sempre il modello di interpretazione del mondo fisico. Nel 1921 ricevette il Premio Nobel per la fisica.  Questi sono dieci insegnamenti che ci ha lasciato.

1. Segui la tua curiosità “Non ho nessuno talento speciale. Sono solo appassionatamente curioso.”

2. La perseveranza ha un valore inestimabile “Non mi considero particolarmente intelligente, è solo che mi dedico ai problemi molto a lungo.”

3. Poni il presente al centro della tua attenzione “Qualsiasi uomo che guida in maniera sicura mentre bacia una bella ragazza è un uomo che non sta dando al bacio l’attenzione che merita.”

4. L’immaginazione è potente “L’immaginazione è tutto. E’ l’anteprima delle attrazioni che il futuro ci riserva l’immaginazione è più importante della conoscenza.”

5. Non avere paura di sbagliare “Una persona che non ha mai sbagliato è una persona che non ha mai provato nulla di nuovo.”

6. Vivi nel momento “Non penso mai al futuro: arriva abbastanza presto.”

7. Crea valore “Impegnatevi cercando di creare non il successo, ma il valore in quello che fate.”

8. Non essere ripetitivo “Follia: fare e rifare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati differenti.”

9. La conoscenza deriva dall’esperienza “Informazione non è conoscenza. La sola fonte di conoscenza è l’esperienza.”

10. Impara le regole e giocherai meglio “Devi imparare le regole del gioco. E poi devi giocarci meglio di chiunque altro.”

Fonte: Il Saggio Libro

Non è che un sogno

1902032_10201307930010529_1171914279_n[1]

Dedico queste parole a mia figlia-gurubajini Laura, a ricordo delle numerose battaglie combattute fianco a fianco come gli opliti spartani

“Ogni qualvolta sopraggiunge l’oscurità, asserisci la realtà e tutte le avversità spariranno. Perché, dopo tutto, non è che un sogno. Per quanto le difficoltà possano apparire insuperabili come montagne, per quanto le cose possano sembrare terribili e buie, esse non sono che Maya. Bando al timore. Affrontalo e sparirà. Schiaccialo e perirà. Non aver paura. Non pensare a quante volte sei caduto. Non importa: il tempo è infinito. Va’ avanti. Continua a riasserire la Realtà e la Luce dovrà venire…

Quando la paura ti assale sei perduto. È la paura la principale causa della sofferenza del mondo; è la paura la più grande di tutte le superstizioni; è la paura la causa delle nostre afflizioni; ed è l’impavidità che in un solo istante può manifestare il paradiso.

Sorgi, dunque, svegliati e non desistere fino a quando la meta non sia raggiunta. Solo su questa base – essere nel giusto e compiere azioni giuste – il mondo può raggiungere l’unità”.     

Fonte: Swami Vivekananda