Basilico, la pianta del sole

Piante di basilico

È l’inizio della primavera, e quale miglior occasione per diffondere il gustoso articolo degli amici di Green Style? Un invito studiare attentamente le piante da orto che ogni stagione ci dona perché, come diceva l’antica Scuola Medica Salernitana, “Il cibo sia la tua medicina”. Buona lettura e… fate girare l’articolo!

Il basilico è senza alcun dubbio una delle piante più amate  e utilizzate della cucina italiana. Trionfo di sapore e colore  nella pasta, in particolare quella realizzata con il pesto  ligure, le sue foglie rappresentano inoltre un potente alleato per chi  sceglie di curarsi con i rimedi  naturali. Coltivabile con facilità in ambito domestico all’interno di vasi o  piccoli orti, l’Ocimum basilicum (questo il suo nome scientifico) è originario  dell’India. Deriva il suo nome dall’espressione latina  basilicum, a sua volta originata dal greco βασιλικών (Basilikon, piante regale).  Risulta presente nei boschi italiani anche in forma selvatica con il nome  scientifico di Clinopodium vulgare.

Molte sono le proprietà curative di norma riconosciute al  basilico. Testa, vie respiratorie e vie urinarie sono solo alcune delle zone del  corpo interessate dai benefici effetti di questa pianta aromatica, che può  contare su un buon numero di sostanze utili all’uomo. Tra queste troviamo  fibre, acqua, proteine e zuccheri, oltre a  minerali (calcio, ferro, fosforo, magnesio, manganese rame,  potassio, sodio e zinco) e vitamine (vitamina A, vitamina B di  cui niacina, tiamina e riboflavina, vitamina C o acido ascorbico e vitamina  E).

Piante di basilico

Proprietà curative

Le azioni benefiche garantite dal basilico operano innanzitutto per il  miglioramento delle funzionalità legate alla digestione. Grazie alle sostanze  presenti nelle sue foglie, questa pianta è in grado di assicurare  proprietà digestive, antispasmodiche,  carminative e di favorire la risoluzione di coliche e disturbi  alle vie urinarie. In quest’ultimo aspetto l’aiuto viene soprattutto dalle sue  capacità antisettiche.

Il basilico è in grado di intervenire anche in casi di mancanza di  appetito favorendone un fisiologico ritorno. Attenzione però a  non utilizzarne le foglie essiccate, poiché perdono tutte le  loro proprietà benefiche. Tra queste ultime impossibile non citare l’azione  curativa nei confronti di malattie respiratorie quali  raffreddore, asma, tossa e bronchite. Utili in questo caso sono sia le foglie  fresche che l’olio essenziale, come vedremo più avanti utile anche per  assicurare un effetto tonificante per l’organismo.

Molto note sono anche proprietà antinfiammatorie associate  al basilico. Il merito sembrerebbe riconducibile all’eugenolo, la sostanza che è  inoltre responsabile per il caratteristico aroma di questa pianta. L’efficacia  garantita contro le infiammazioni riguarda anche il trattamento  delle artiti (ad eccezione di quella reumatoide, che è di  origine autoimmune, n.d.r.). Utile soprattutto se consumato crudo o sotto forma  di estratto, presente in alcuni rimedi erboristici e omeopatici.

Il basilico è in grado poi di contribuire al benessere del sistema  nervoso. La sua azione è in grado di alleviare  l’insonnia, l’ansia e lo stress, oltre a poter vantare alcune  proprietà antidepressive. A questa pianta aromatica vengono  inoltre associati effetti galattagoghi, ovvero di aumento della  produzione di latte da parte delle neo mamme.

Andando verso la bella stagione è infine doveroso ricordare come al basilico  siano associate anche proprietà benefiche per il trattamento, con il suo olio  essenziale, delle punture di zanzare. In più questi insetti  sembra siano inoltre refrattari al suo odore e se ne tengano quando possibile  alla larga.

Bruschetta pomodoro e basilico

Curiosità e consigli utili

Molte credenze hanno accompagnato, finendo con il risultare più o meno  corrette e veritiere, la conoscenza nell’antichità delle proprietà del  basilico. Si riteneva ad esempio che avesse il potere di respingere i  serpenti o che fosse in grado di curare l’infermità mentale,  l’itterizia e persino la lebbra. San Bernardo lo riteneva un valido aiuto per  distogliere la mente dalle ossessioni, mentre Plinio ne garantiva l’efficacia  contro l’epilessia. Pur con alcune significative limitazioni, la  medicina indiana riserva tutt’ora un posto di assoluto rispetto  a questa pianta aromatica.

Vengono riconosciute al basilico anche proprietà  tonificanti, sfruttabili aggiungendo circa 20 gocce di olio  essenziale all’acqua del proprio bagno prima di entrarvi. A questa  pianta era inoltre affidato il compito di stabilire la salubrità di un luogo,  valutandolo in maniera positiva qualora la sua crescita fosse buona.

Nel mondo esistono infine 6 varietà principali: Cinnamon  (originaria del Messico, sapore speziato che ricorda la cannella), Dark Opal  (simile alla Cinnamon, con forte sapore speziato), Minimum (origine greca, si  adatta meglio a crescere nei climi freddi), Purple Ruffles (molto aromatico),  Anise (con leggero profumo di anice) e Crispum, alla quale gli italiani sono più  abituati e che è comune nei piatti della cucina  mediterranea.

Alcune ricette per portare in tavola il basilico

 

One thought on “Basilico, la pianta del sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...